COSA VEDERE E COSA MANGIARE A SANTO STEFANO DI SESSANIO

Roberta/ Settembre 20, 2017/ BORGHI D'ITALIA, IN GIRO PER L'ITALIA/ 1 comments

Qualche mese fa ho accompagnato Anna Maria Fabbri di To The Roots in Abruzzo, precisamente a L’Aquila per un “Portami a pranzo nella tua città”. Era la prima volta per entrambe in questa terra meravigliosa. Sono rimasta colpita dalla gente, dal buon cibo e soprattutto dalla natura, estesa, potente, disarmante.

Ho così deciso di trascorrere qui le mie vacanze, alla scoperta dei borghi, dei castelli e del Gran Sasso.

Santo Stefano di Sessanio panoramica GetCOO

Santo Stefano di Sessanio panoramica borgo GetCOO

#Santo Stefano di Sessanio

Annoverato tra uno dei Borghi più belli d’Italia, SANTO STEFANO DI SESSANIO è situato in provincia dell’Aquila a ben 1250 metri sul livello del mare, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Oramai sono circa 100 gli abitanti rimasti in questo paesino di antiche origini, che ha conosciuto il dramma del terremoto del 2009.

Santo Stefano di Sessanio GetCOO

Il borgo visse un periodo molto florido dalla fine del XV secolo, quando fu abolita la tassa sugli animali. Questo consentì lo sviluppo della pastorizia e della transumanza. Il massimo splendore fu raggiunto durante il dominio dei Medici (1579 – 1743). Santo Stefano di Sessanio era rinomata per la produzione della lana Carfagna, una lana nera impiegata per la realizzazione di uniforme militari e per i sai dei monaci.

# Cosa vedere a Santo Stefano di Sessanio

Camminando per le sue viuzze si incontrano varie botteghe di artigiani, custodi di antiche arti e mestieri. In questi luoghi, in cui il tempo sembra essersi fermato, si fila e si tinge la lana con materiali naturali, si tessono trame e orditi con macchine d’epoca, oppure ci si diletta nell’arte del tombolo.

Porta Urbica Santo Stefano di Sessanio GetCOO

Porta Urbica

Porta Urbica 1 Santo Stefano di Sessanio GetCOO

Porta Urbica

Il simbolo di Santo Stefano di Sessanio è la TORRE MEDICEA. Fortemente danneggiata dal terremoto del 2009 e adesso in fase di ricostruzione, dominava il paesino con le sue eleganti merlature da un’altezza di circa 20 metri.
La PORTA URBICA, con arco a tutto sesto, regala un bello scorcio dei pittoreschi vicoli. Era la porta principale del dell’antico castello su cui fu applicato lo stemma dei Medici, con 5 pale e un giglio superiore, visibile ancora oggi.

Il PALAZZO DELLE LOGGE era la residenza signorile dei Medici. Costruita in pietra ha su una facciata due bifore in stile tardo gotico, sull’altra un loggiato che affaccia verso l’interno del paese.

Sono numerose le tracce architettoniche lasciate dalla dominazione dei signori del Granducato di Toscana, i Medici. Passeggiando nei vicoli di Santo Stefano di Sessanio ho osservato portali ad arco con formelle fiorite finemente scolpite nella pietra, ma anche eleganti bifore e finestre in pietra.

Santo Stefano di sessanio epoca medicea GetCOO

# Cosa mangiare a Santo Stefano di Sessanio

 A Santo Stefano di Sessanio ha aperto da qualche anno il Sextanio Albergo Diffuso. Un visionario imprenditore italo-svedese ha pensato di far rivivere l’incatevole borgo. Come? Acquistando e ristrutturando diversi stabili (magari abbandonati), trasformandoli in un albergo diffuso.

Oltre alle strutture ricettive a Santo Stefano di Sessanio non manca il buon cibo! Nei ristorantini e trattorie del paese, tutti a condizione familiare, troverete piatti tradizionali gustosi e genuini, come la zuppa di lenticchie locali, gli arrosticini, il pecorino alla piastra, la carne di pecora alla cottora e non può mancare l’ammazzacaffè d’Abruzzo, la genziana!

Consultate anche la guida di To the Roots su cosa mangiare in provincia dell’Aquila!

Ristoranti a Santo stefano di sessanio GetCOO

Please follow and like us:

Commenti

comments

Share this Post

About Roberta

Co-founder di GETCOO, ama l'arte, la storia dell'arte e viaggiare tra i borghi e le città d'arte. In GetCOO Travel è Cultural Heritage Expert.

1 Comment

  1. Pingback: Trekking a cavallo in Abruzzo | GetCOO Travel | Blog

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*