IL PORTICO DI OTTAVIA A ROMA

Roberta/ Settembre 16, 2019/ LE FOTO PIÙ BELLE DI GETCOO Travel/ 0 comments

La foto della settimana ci porta a Roma ed è stata scattata con GETCOO Travel App da Paolo al PORTICO DI OTTAVIA. Si tratta di un complesso monumentale dell’antica Roma di età augustea, dedicato dal futuro imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto (meglio conosciuto come Augusto) a sua sorella Ottavia. Insieme al Portico di Ottavio e al Portico di Filippo (di cui non rimangono resti), il Portico di Ottavia delimitava un lato del Circo Flaminio.

Portico di Ottavia a Roma

Il PORTICO DI OTTAVIA fu costruito tra il 33 a.C. e il 23 a.C. sui resti del Portico di Metello (131 a.C.). Al suo interno ospitava il Tempio di Giunone Regina (179 a.C.) e il Tempio di Giove Statore, il primo edificio religioso di Roma costruito interamente in marmo.
L’interno del Portico di Ottavia comprendeva una biblioteca con due sezioni, una per libri greci e una per libri latini. C’era anche la curia Octaviae, il luogo in cui si riuniva il Senato.
Nell’80 d.C. il complesso fu danneggiato da un incendio, poi rimaneggiato da Domiziano, da Settimio Severo e da Caracalla e nuovamente messo a dura prova da un terremoto nel 442.
Verso il 770 a ridosso del propileo d’ingresso venne costruita la chiesa di San Paolo in summo circo. Durante il medioevo e fino al 1885 questo propileo (situato nel rione Sant’Angelo) ospitava il mercato del pesce. Per questo la chiesa prese il nome di Sant’Angelo in Peschiera, tutt’ora esistente.

Portico di Ottavia

Della grandiosa struttura monumentale oggi rimane ben poco e risale ad un rifacimento della fine del II secolo d.C., all’epoca di Settimio Severo. Sono visibili i resti dell’ingresso centrale, che aveva quattro colonne con capitello corinzio. Sull’architrave della facciata è ancora leggibile l’iscrizione che ricorda il restauro per mano di Settimio Severo e Caracalla. Ai lati dell’ingresso ci sono pareti con arcate in laterizio, originariamente rivestite da lastre di marmo bianco. Rimangono resti del porticato esterno, con fusti di marmo cipollino e granito grigio con capitelli corinzi.

Please follow and like us:

Commenti

comments

Share this Post

About Roberta

Co-founder di GETCOO, ama l'arte, la storia dell'arte e viaggiare tra i borghi e le città d'arte. In GetCOO Travel è Cultural Heritage Expert.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*