IL CIRCO DI MASSENZIO A ROMA

Roberta/ 10 Dicembre, 2019/ LE FOTO PIÙ BELLE, LE FOTO PIÙ BELLE DI GETCOO Travel/ 0 comments

Al 3° miglio della via Appia a Roma si trova la VILLA DI MASSENZIO, un complesso monumentale costituito dal palazzo, il mausoleo dinastico o TOMBA DI ROMOLO e dal CIRCO DI MASSENZIO, scelto come monumento della settimana!

Complimenti a Paola per la bellissima foto!

Circo di Massenzio a Roma
Una delle due torri che delimitavano i carceres

Come molti altri monumenti e complessi dell’antichità, anche la Villa di Massenzio è il risultato della trasformazione di vari edifici. La residenza d’età repubblicana (I secolo a.C.) fu riadattata nel secolo successivo per poi essere completamente trasformata a metà del II secolo da Erode Attico che la inglobò nella sua villa chiamata Pago Triopio. L’IMPERATORE MASSENZIO (imperatore romano autoproclamato che governò dal 306 al 312) la trasformò intorno al 310 in villa imperiale, aggiungendo il circo e il mausoleo.
Il CIRCO DI MASSENZIO era un luogo privato riservato alla famiglia. Infatti, rispetto al Circo Massimo, che poteva ospitare circa 150.000 persone, il Circo di Massenzio ne conteneva 10.000.

# STRUTTURA DEL CIRCO DI MASSENZIO

Il circo era lungo circa 500 metri e largo 90.
Al centro è ancora visibile la spina, la struttura separatoria lunga 1000 piedi romani (296 metri). Era costituita da una serie di vasche alternate da edicole e statue. A metà era posto l’Obelisco di Domiziano proveniente dal Tempio di Iside al Campo Marzio. Dal XVII secolo decora invece la Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini in Piazza Navona, sempre a Roma. Alle estremità della spina si trovavano le metae, due strutture semicircolari cave, una delle quali ancora esistente.

Vasche della Spina e Porta trionfale (in fondo)

Sul lato corto ad ovest due torri a tre piani alte 16 metri delimitavano i carceres, i dodici ambienti da cui, una volta alzate le sbarre, partivano i carri per le corse.
Tre erano gli ingressi: uno situato tra le due torri, uno lungo il lato meridionale e il terzo sul lato corto a est. Fu proprio in corrispondenza di questa porta trionfale che nel 1825 l’archeologo Antonio Nibby rinvenne la lapide dedicata a Romolo (figlio di Massenzio morto nel 307) che consentì l’identificazione del sito, impropriamente denominato Circo di Caracalla durante il medioevo. Una copia è collocata all’interno del fornice della porta.
Di fronte alla porta meridionale si trovava la tribuna imperiale, di cui rimane ancora parte della struttura.

Resti della tribuna imperiale

# VISITA ALLA VILLA DI MASSENZIO

Pur essendo una struttura in rovina, il CIRCO DI MASSENZIO è il circo romano meglio conservato, che vanta ancora resti della spina e il muro di cinta, probabilmente a causa dell’abbandono della struttura in seguito alla morte di Massenzio nel 312 per mano di COSTANTINO I, poco dopo la fine dei lavori del circo.
L’intero complesso monumentale della Villa di Massenzio è visitabile gratuitamente dal martedì alla domenica dalle 10 alle 16.

Villa di Massenzio
Please follow and like us:

Commenti

comments

Share this Post

About Roberta

Co-founder di GETCOO, ama l'arte, la storia dell'arte e viaggiare tra i borghi e le città d'arte. In GetCOO Travel è Cultural Heritage Expert.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*