LA CATTEDRALE DI SAN MARTINO A LUCCA

Roberta/ Agosto 18, 2019/ LE FOTO PIÙ BELLE DI GETCOO Travel/ 0 comments

La CATTEDRALE DI SAN MARTINO a Lucca è stata fotografata con GETCOO Travel App da Fabrizio, autore della foto della settimana. Complimenti!

È la principale chiesa della cittadina toscana che, secondo la tradizione, venne fondata da San Frediano nel VI secolo.
Nel tempo è stata oggetto di vari rifacimenti. Intorno al 1060 fu riedificata dal vescovo di Lucca, Anselmo da Baggio. Tra XIV e XV secolo la cattedrale fu ulteriormente ingrandita e venne terminata tra XVI e XVII secolo con l’aggiunta delle cappelle del Sacramento e del Santuario.

La Cattedrale di San Martino era situata lungo la via Francigena e costituiva una delle principali tappe.

Cattedrale di San Martino a Lucca

Ciò che colpisce maggiormente è la facciata romanica caratterizzata da loggette sovrapposte su colonnine scolpite con elaborate tarsie marmoree bicrome. Furono realizzate intorno al 1204 da Guidetto da Como.
La facciata è asimmetrica a causa del campanile preesistente, alto 60 metri.
I tre portali sono decorati da vari motivi plastici, tra cui le lunette a rilievo poste sopra l’architrave come il Ciclo dei Mesi, le Storie di San Martino e i due capolavori di Nicola Pisano, la Deposizione e l’architrave con AnnunciazioneNatività e Adorazione dei Magi.

Una curiosità riguarda il labirinto scolpito a ridosso del campanile. È un simbolo legato al pellegrinaggio che si trova anche in altre chiese lungo la via Francigena.

L’interno della Cattedrale di San Martino è a croce latina e in stile gotico. Oltre a coloratissime vetrate istoriate, qui sono custoditi alcuni capolavori, tra cui il monumento funebre di Ilaria del Carretto (di Jacopo della Quercia), l’Ultima Cena del Tintoretto e il Volto Santo, un crocifisso ligneo che si dice venne scolpito da Nicodemo e dagli angeli.

Commenti

comments

Share this Post

About Roberta

Co-founder di GETCOO, ama l'arte, la storia dell'arte e viaggiare tra i borghi e le città d'arte. In GetCOO Travel è Cultural Heritage Expert.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*